Copertina
Il senso dell'anomalia
di Diego Ponzin
Pagine: 336
ISBN: 9788897546382

    Libro stampato €15,00
In sintesi

Non posso firmarmi...

 … sono un funzionario dei servizi segreti. Devo il soprannome alla fama di essere uno che non guarda in faccia a nessuno, specie ai delinquenti. Mi piace braccarli e trattarli come meritano. Ma non è di questo che voglio parlare.
Ho conosciuto un investigatore privato. Non nutro stima per questa categoria, lui però è diverso. Un tempo è stato un ladro, poi ha smesso perché è intelligente. Ora si dedica a indagini particolari, che svolge con arguzia. È bravo a cercare le piccole incongruenze, le contraddizioni, ciò che non sempre appare. È anche tormentato. Ha perso la moglie, e quando l’abbiamo incontrato era pieno di frustrazione e dolore.
Su di lui sono confluite le storie di un commissario di Polizia, un agente infiltrato, un operatore delle poste, una banda di camorristi, alcune persone dell’Est, un funzionario di Polizia corrotto.
Grazie al suo aiuto, siamo riusciti ad arrivare ad un finale unico.
Ci sono stati diversi morti, ma noi non abbiamo ucciso nessuno. O quasi. Credo che l’indagine lo abbia cambiato, in meglio, e qualcosa ho imparato anch’io. Non sappiamo se le anomalie che turbano la nostra esistenza sono frutto di un disegno o del caso.
Tuttavia, è il provare a capire che ci rende uomini, e cercare il senso dell’anomalia è un modo per dare un significato alla vita.

Sull' autore
Diego Ponzin vive a Padova e lavora a Venezia.
Nel 2003 ha pubblicato Retropensieri, una raccolta di poesie, racconti e canzoni scritte con i Dimarte (ora Motorcycle Mama), gruppo con il quale suona il basso elettrico, e che nel 1998 ha prodotto il CD The West Tribute. Ha inoltre pubblicato le raccolte di poesie e racconti Cose che non accadono mai (2006), La seduzione dell’istante (2008) e Un silenzio di buona qualità (2011).
Il senso dell’anomalia è il suo primo romanzo

Se hai un manoscritto in cui credi e desideri farlo pubblicare, noi possiamo offrirti:


Contattaci